I 5 capi che ogni motociclista dovrebbe avere

Posted by

on

Quando si tratta di abbigliamento da moto ognuno ha le proprie teorie, ma la verità è che è solo viaggiando, e facendo tanti chilometri, che comprendiamo ciò che è realmente indispensabile. Vediamo spesso foto di viaggiatori su due ruote che partono ad esplorare il mondo armati solo di due piccole borse laterali e una borsa sulla sella, e ci chiediamo come possano avere tutto quello che serve in uno spazio così ristretto. Vi avevo raccontato anche io, qualche giorno fa, cosa avevo portato con me per 65 giorni di viaggio in Albania e Grecia, e i riscontri erano stati molto positivi. Sta diventando sempre più chiaro a tutti che per viaggiare bene non conta la quantità, ma la qualità, e che organizzare il bagaglio al meglio è l’unica cosa in grado di fare la differenza. Quindi continua a leggere, e scopri i capi che ogni motociclista dovrebbe avere con sé durante le avventure su due ruote.

Alcune cose potrebbero essere ovvie, mentre altre le ho scoperte (ed elaborate) percorrendo le strade del mondo con i mezzi più disparati. Non per forza legati al mondo delle moto, alcuni oggetti si rivelano preziosi proprio perché estremamente versatili. Ed è questo quello di cui abbiamo bisogno, quando vogliamo limitare gli ingombri. Avendo con noi, comunque, tutto quello che serve.

Abbigliamento da moto, ma non solo

 

Scaldacollo

Al bando le sciarpe, che potrebbero rivelarsi pericolose: fra capi che ogni motociclista dovrebbe avere lo scaldacollo svetta sicuramente in cima alla lista. Perfetto in ogni stagione, quando parto per un viaggio di solito ne ho sempre due con me. Uno pesante, per le giornate più fredde, e uno leggerissimo, per i climi più miti e per quando le temperature si alzano. L’utilizzo di uno scaldacollo ci permette di proteggere la gola dagli spifferi, importante soprattutto per evitare dolori al collo. Io lo infilo prima di mettere la giacca da moto, e quando fa molto freddo lo infilo nel casco, in modo che non rimanga pelle scoperta.

I miei preferiti? I Necktube Smotard.

Abbigliamento termico

Ormai il cotone è bandito, in moto, a prescindere dalla stagione. Da anni utilizzo capi tecnici, realizzati con materiali altamente performanti, che si asciugano velocemente e fanno in modo che lo strato bagnato non resti a contatto con la pelle, evitando così di raffreddarsi.

I miei preferiti sono quelli di Sixs, che esistono in tantissime varianti (perfette per tutte le stagioni) e materiali, come la mia adorata lana merino.

Giacca riscaldata

Hai solamente una giacca doppio strato e vorresti cominciare a viaggiare anche durante la stagione più fredda? In questi anni di esperienza ho imparato che le giacche triplo strato non sono sempre imprescindibili e necessarie, se ci si orienta verso capi giusti da indossare al di sotto. Per me la vera svolta – quest’anno – è stata iniziare a usare la giacca riscaldata (uso la Ectotherm di Mosko Moto) e con quella non c’è freddo che tenga.

Copriguanti antipioggia

Io sono sempre molto scettica quando si parla di guanti da moto in grado di resistere veramente alla pioggia. Non parlo solo di sporadici rovesci, o di una pioggerella improvvisa, ma di veri e propri acquazzoni, quelli che ti inzuppano fino alle ossa e magari durano per ore. Sarà per questo che, fra i capi che ogni motociclista dovrebbe avere, credo debbano per forza rientrare anche dei copriguanti anti-pioggia. Io li metto quando vedo che la pioggia è decisa e ho la sensazione che pioverà a lungo, perché non c’è niente di peggio di avere le mani bagnate, che si cuociono dentro a imbottiture zuppe per ore.

Un’alternativa super economica ai copriguanti da pioggia da moto specifici? I guanti in gomma per lavare i piatti, sempre in una taglia un po’ abbondante in modo da poterci entrare anche con i vostri guanti da moto. Minima spesa, massima resa.

Stivali in Gore-tex

Se, inizialmente, appena comprata la prima moto, avevo optato per un paio di stivali più economici, non ci ho messo molto tempo ad accorgermi che avevo fatto un grave errore. Il fatto che le mie calzature non fosse impermeabili mi metteva nella condizione di dover indossare degli scomodissimi soprascarpe, alle prime gocce d’acqua, per evitare che i piedi finissero a mollo. Così ho detto «Mai più!», e prima di partire per il viaggio di tre mesi in Asia Centrale – nel lontano 2017 – ho investito nell’acquisto di un paio di stivali touring in Gore-tex. Che regolano bene il caldo, il freddo, e soprattutto sono davvero, davvero resistenti all’acqua. So che potrebbe sembrare un investimento importante, ma ne vale la pena fin da subito. Anche per vivere la moto con più serenità, anche in caso di maltempo: avere i piedi bagnati è davvero terribile, e se possiamo evitarlo, facciamolo.

Io parlo di Gore-tex perché è l’unica membrana che ho provato, e mi ci affiderei ad occhi chiusi. Ma tu ne hai provate altre, e ti sei trovato bene? Sono curiosa di saperne di più.

Fammi sapere nei commenti verso che prodotto ti sei orientato. E se sei d’accordo con questa lista i 5 capi che ogni motociclista dovrebbe avere. Cosa non lasci mai a casa, quando si tratta di muoversi su due ruote?